7 Giugno, 2019

Gli impianti serricoli di CVF

La CVF S.r.l. è proprietaria dei suoi impianti serricoli, parliamo di circa 30.000 mq di serre munite di un moderno sistema di areazione.

Il lavoro di preparazione inizia ad agosto con:

  • l’aratura
  • la fresatura
  • e la concimazione di tipo naturale del terreno.

A settembre le piantine vengono trapiantate ed entro 60 giorni saranno forti e rigogliose. La temperatura della serra è tenuta costantemente tra i 23°C ed i 25°C, viene regolata in base alla temperatura esterna da impianti di riscaldamento in modo che il calore diffuso venga distribuito in tutta la serra.

La raccolta dei frutti maturi

Quando i frutti sono maturi per la raccolta, grazie alla cura assidua di operai scrupolosi, si avranno raccolti ogni settimana e nei periodi più caldi anche due volte a settimana, per un periodo di 8-9 mesi.

La fase della raccolta è molto delicata. I frutti raccolti uno alla volta vengono riposti in cassette, queste vengono adeguatamente protette da un cellofan traspirante in modo da mantenerle intergre per tutta la durata del trasporto.

Allo scopo di evitare l’eccessivo uso di medicinali in tutto il locale serra, ben visibili, vi sono collocate trappole per parassiti. Il raccolto è adesso pronto per essere trasferito nel centro di condizionamento, dove altri operai aspettano per la successiva fase di lavorazione del prodotto.

Leggi Tutto
7 Giugno, 2019

La selezione del raccolto

Una volta trasferito il raccolto nel centro di condizionamento si scaricano i frutti, e si pesano i colli.

La merce è pronta per essere selezionata da mani esperte che la controllano accuratamente, separandola e selezionandola a seconda delle varie pezzature ed in base a quello che è il nostro standard qualitativo.

Fase di ingabbiamento e di imballaggio

Viene così ultimata la fase di confezionamento; il nostro prodotto è pronto per arrivare su tutte le tavole dei nostri clienti passando da tutti i più conosciuti ipermercati d’Italia. dal 2020 la CVF è anche online.

CVF S.r.l. è un’azienda al servizio del consumatore più esigente!

Leggi Tutto
7 Giugno, 2019

Coltivazione in serra

Coltivazione in serra: concetto di “coltura protetta”

Le forme di coltivazione in cui si utilizzano dei mezzi per proteggere le piante da fattori climatici avversi, che potrebbero pregiudicare il loro normale sviluppo, prendono il nome di colture protette.

Le colture protette interessano l’orticoltura, la floricoltura, il vivaismo e la frutticoltura.

Tra i mezzi di protezione rientra una gamma molto ampia di strutture, che possono differenziarsi:

  • Per la complessità: si può andare dalla semplice copertura del terreno fino alle serre più moderne e complesse, dotate di impianti per la climatizzazione.
  • Per la durata della loro utilizzazione rispetto al ciclo della coltura: la protezione può cioè essere utilizzata per l’intero periodo di coltivazione o solo per una parte di esso.

Con il loro impiego si può:

  1. Realizzare un diverso grado di controllo del clima;
  2. Coltivare determinate specie in ambienti diversi da quelli di origine in cui esse sono in grado di crescere naturalmente (es. specie ornamentali di origine tropicale coltivate nei nostri ambienti);
  3. Anticipare o ritardare le produzioni rispetto all’epoca normale;
  4. Realizzare produzioni completamente fuori stagione (forzatura).

Per ottenere la forzatura si utilizzano serre stabili: strutture praticabili dotate di coperture in plastica ed utilizzate per l’intero ciclo culturale.

Per la coltivazione delle piante in ambiente non ottimale e per le produzioni semiforzate, sono sufficienti dei mezzi di protezione più semplici.

Aspetti positivi della coltivazione in serra

  • Minori rischi da avversità meteoriche;
  • Migliori opportunità di mercato (allargamento dei calendari di produzione);
  • Programmazione più precisa della produzione;
  • Maggiori rese;
  • Standard di qualità più elevati e costanti;
  • Più efficiente uso di risorse (es. acqua);
  • Possibilità di impiegare moderne tecnologie produttive (fuori suolo).
Leggi Tutto